Apocalisse di Val-Dieu

The British Library, Londra




Segnatura: Add. Ms. 17333
Data: 1320–1330 c.
Luogo di origine: Nord-est della Francia (Normandia)
Scritto in latino e francese
Misure: ± 325 x 225 mm
108 pagine, 83 miniature arricchite con oro
Rilegatura in pelle verde. Controcopertina in pelle rossa con motivi dorati
Volume di commento a colori, a cura di esperti di riconosciuto prestigio internazionale
«Quasi-originale», edizione prima, unica ed irripetibile, limitata a 987 esemplari autentificati con atto notarile
Apocalisse di Val-Dieu The British Library, Londra The British Library, Londra

Segnatura: Add. Ms. 17333
Data: 1320–1330 c.
Luogo di origine: Nord-est della Francia (Normandia)
Scritto in latino e francese
Misure: ± 325 x 225 mm
108 pagine, 83 miniature arricchite con oro
Rilegatura in pelle verde. Controcopertina in pelle rossa con motivi dorati
Volume di commento a colori, a cura di esperti di riconosciuto prestigio internazionale
«Quasi-originale», edizione prima, unica ed irripetibile, limitata a 987 esemplari autentificati con atto notarile



Descrizione

Apocalisse di Val-Dieu The British Library, Londra


Questa Apocalisse illustrata sorprende, in prima istanza, per il suo eccellente stato di conservazione e per la qualità delle tonalità pittoriche delle sue miniature. A livello cromatico, le miniature risaltano in quanto sono estremamente sofisticate e ricche di sfumature.

Il manoscritto, realizzato intorno 1320-1330, molto probabilmente in Normandia, include il testo dell'Apocalisse, in latino come in francese, sotto ampie e raffinate miniature che occupano metà pagina.
Storicamente, il codice appartiene a un piccolo gruppo di quattro Apocalissi, di straordinaria qualità, che furono prodotte durante il primo quarto del XIV secolo nel nord-est della Francia, e il cui programma iconografico segue quello di una Apocalisse inglese del XIII secolo che fu distrutta nel bombardamento di Metz, nel 1944. Questo piccolo gruppo si discosta dal suo referente inglese perché presenta una concezione delle figure e delle scene completamente propria: il realismo e la corposità delle sue figure riesce a conferire un’enorme concretezza alle scene fantastiche dell’Apocalisse.  Il manoscritto della British Library è l’unico dei quattro che include la traduzione al francese. D’altra parte, questa Apocalisse si distingue dalle altre, a sua volta, per la sua curatissima esecuzione artistica e per un realismo particolarmente elegante nel ritratto dei protagonisti. Entrambe le qualità sono rinvigorite dall’uso di tonalità cromatiche sorprendenti e delicate, che si combinano tra di loro con grande senso estetico.

Il codice formò parte della biblioteca della Certosa di Val-Dieu (diocesi di Séez) nel XVII secolo; il foglio 1 riporta l’iscrizione ’Ex Libris Cartusiae Vallis Dei’. Il 6 maggio del 1848 il British Museum lo comprò da Thomas Rodd, libraio, antiquario e ispanista inglese.


We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x