Salterio Glossato

f. 76r, salmo 43  O Dio, abbiamo udito con le nostre orecchie


Indietro

Sopra, al centro, da una mandorla mistica semicircolare, Dio riposa dormiente su un letto protetto da una tenda (v. 23, Exurge quare obdormis, Domine? // Svegliati, Signore, perché dormi?). Ad ogni lato lo affiancano due gruppi di uomini seduti in banchi, i quali sostengono libri e filatteri (v. 2, Deus auribus nostris audivimus. Patres nostri annuntiaverunt nobis // O Dio, abbiamo udito con le nostre orecchie. I nostri padri ci hanno raccontato). Sotto, una città è attaccata da una moltitudine di cavalieri armati di spade, asce e lance (v. 4, Nec enim in gladio suo possederunt terram // Infatti non fu con la loro sapada che conquistarono la terra). Alcuni dei suddetti attraversano la porta della città (v. 11, Avertisti nos retrorsum post inimicos nostros // Ci hai fatto voltare le spalle davanti al nemico). Davanti, tra i soldati, ci sono capre e pecore e un uomo giace morto (v. 12, Dedisti nos tanquam oves escarum // Ci hai dati via come pecore da macello); v. 22, Quoniam propter te mortificamur tota die, estimati sumus sicut oves occisionis // Per causa tua siamo messi a morte ogni giorno, e siamo considerati come pecore da macello). All’interno delle mura della città, a sinistra, un gruppo di uomini rimangono prostrati davanti a un altare in una chiesa (v. 25, Quoniam humiliata est in pulvere anima nostra, conglutinatus est in terra venter noster // Poiché le nostre anime sono state abbassate fino alla polvere, e il nostro ventre è incollato a terra). A destra, un uomo con un grande filatterio, scudo e lancia, rimane davanti ad una spada rotta, un arco e un corno che si trovano per terra ( v. 6, In te inimicos nostros ventilabimus cornu, et in nomine tuo spernemus insurgentes in nobis // Per mezzo di te abbatteremo i nostri nemici; nel tuo nome calpesteremo coloro che si levano contro di noi; v. 7, Non enim in arcu meo sperabo, et gladius meus non salvabit me // Poiché non confido nel mio arco, e non sarà la mia spada a salvarmi). Dietro di lui c’è un gruppo di uomini con lance e scudi.

Salterio Glossato f. 76r, salmo 43  O Dio, abbiamo udito con le nostre orecchie

Indietro

f. 76r, salmo 43  O Dio, abbiamo udito con le nostre orecchie

Sopra, al centro, da una mandorla mistica semicircolare, Dio riposa dormiente su un letto protetto da una tenda (v. 23, Exurge quare obdormis, Domine? // Svegliati, Signore, perché dormi?). Ad ogni lato lo affiancano due gruppi di uomini seduti in banchi, i quali sostengono libri e filatteri (v. 2, Deus auribus nostris audivimus. Patres nostri annuntiaverunt nobis // O Dio, abbiamo udito con le nostre orecchie. I nostri padri ci hanno raccontato). Sotto, una città è attaccata da una moltitudine di cavalieri armati di spade, asce e lance (v. 4, Nec enim in gladio suo possederunt terram // Infatti non fu con la loro sapada che conquistarono la terra). Alcuni dei suddetti attraversano la porta della città (v. 11, Avertisti nos retrorsum post inimicos nostros // Ci hai fatto voltare le spalle davanti al nemico). Davanti, tra i soldati, ci sono capre e pecore e un uomo giace morto (v. 12, Dedisti nos tanquam oves escarum // Ci hai dati via come pecore da macello); v. 22, Quoniam propter te mortificamur tota die, estimati sumus sicut oves occisionis // Per causa tua siamo messi a morte ogni giorno, e siamo considerati come pecore da macello). All’interno delle mura della città, a sinistra, un gruppo di uomini rimangono prostrati davanti a un altare in una chiesa (v. 25, Quoniam humiliata est in pulvere anima nostra, conglutinatus est in terra venter noster // Poiché le nostre anime sono state abbassate fino alla polvere, e il nostro ventre è incollato a terra). A destra, un uomo con un grande filatterio, scudo e lancia, rimane davanti ad una spada rotta, un arco e un corno che si trovano per terra ( v. 6, In te inimicos nostros ventilabimus cornu, et in nomine tuo spernemus insurgentes in nobis // Per mezzo di te abbatteremo i nostri nemici; nel tuo nome calpesteremo coloro che si levano contro di noi; v. 7, Non enim in arcu meo sperabo, et gladius meus non salvabit me // Poiché non confido nel mio arco, e non sarà la mia spada a salvarmi). Dietro di lui c’è un gruppo di uomini con lance e scudi.

Preferenze per i cookie

Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare i nostri servizi analizzando le vostre abitudini di navigazione. Per ulteriori informazioni è possibile leggere la nostra politica sui cookie. È possibile accettare tutti i cookie facendo clic sul pulsante Accetta oppure configurare o rifiutare il loro utilizzo facendo clic QUI.