Gran Libro d’Ore d’Anna di Bretagna

Gran Libro d’Ore d’Anna di Bretagna Annuncio ai pastori, f. 58v

Indietro

Annuncio ai pastori, f. 58v

Il dipinto, circondato da una semplice cornice d’oro nel cui lato inferiore destro si legge: “anu[n]cio · vobis · gavdiv[m] · magnv[m] · q[ui]a · hodie · nat[us] · est · /salvator · mv[n]di”, mostra, in primo piano, tre pastori attorno a un fuoco. Il pittore, Jean Bourdichon, mostra i vari stati, temporali e psicologici, d’ognuno di essi: uno dei pastori segnala l’apparizione che sta avvenendo sopra di loro; quello a destra smette di suonare la cornamusa per guardare l’apparizione e, siccome la sua luce è accecante, usa la destra da schermo; il terzo si inginocchia e separa le sue mani in segno di sorpresa; se non fosse per i gesti di braccia e mani, si ottiene, con il resto del corpo, un effetto di simmetria chiastica. In secondo piano, un gregge di pecore. Poi, due pastori che guardano in alto e mostrano diversi modi di reagire alla visione: quello a sinistra tende una delle mani; quello a destra si protegge il viso con il braccio. Dietro, Betlemme, sotto l’aspetto di una grande città fortificata, e a destra altri due pastori, che accanto a un fuoco sorvegliano il bestiame e iniziano a rendersi conto dell’apparizione dell’angelo, come si può notare dalle teste alzate e il braccio in alto di uno di loro per proteggersi il viso. Il paesaggio si chiude con masse rocciose, monti e città sullo sfondo. Nella parte superiore centrale, un angelo vestito di bianco su uno spazio dorato percorre il cielo (le pieghe nuvolose del cielo sono il frutto del suo movimento), e dirigendosi verso i pastori indica Betlemme. Bisogna mettere in risalto la cura squisita con cui Jean Bourdichon tratta i lineamenti dei pastori, rozzi ma nobili, mai delle caricature, come anche la cura della luce, stabilendo due centri luminosi: quello inferiore, dato dal focolare, la cui luce si riflette gradualmente nei corpi dei tre pastori, e quello superiore dell’angelo, la cui luce bagna i visi dei pastori in primo piano e i corpi dei pastori in secondo piano. Un altro aspetto notevole è la realizzazione delle varie trame: il vello delle pecore, i vari tipi di tele e le pelli aspre dei pastori, in contrasto con la pelle morbida dell’angelo. Inoltre, lo studio dello spazio è del tutto convincente: prendendo un punto di vista un poco più alto che quello dell’uomo in primo piano che indica il cielo, si da allo spettatore l’impressione che faccia parte della scena: in questo modo la vista va lentamente al secondo piano, con i pastori che stanno in piedi e che a loro volta conducono direttamente alla visione angelica. In questo modo, Jean Bourdichon prende le redini della psicologia visiva dello spettatore, portandolo gradualmente alla sorpresa dell’apparizione celeste.
L’annuncio ai pastori è la prima epifania; la loro immagine è quella del popolo ebreo al quale viene data per primo la notizia della nascita di Cristo. Inoltre, in questa immagine si vede, secondo i Padri della Chiesa, una tipologia dei futuri sacerdoti che vegliano sui fedeli contro i pericoli del mondo; in questo modo, lo splendore che hanno visto i pastori è la grazia che si versa sui sacerdoti che hanno ben compiuto il loro compito.
 
 

We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x