Libro della Felicità

f. 16v, Segno del Leone: Saturno, Giove e Marte. Manoscritto turco ottomano del 1582, Suppl. turc 242 - Bibliothèque Nationale de France, Parigi

Indietro

f. 16v, Segno del Leone: Saturno, Giove e Marte

Lontano dall’essere minaccioso, il Leone è un animale grazioso che fluttua nel cielo come se nuotasse. La lunga coda incurvata, la splendida criniera e l’espressione da gatto domestico gli conferiscono un aspetto estremamente docile. Il cavallerizzo che monta sulla sua groppa, più eretto che seduto, è il Sole con il suo raggiante splendore. Veste un caftano rosso e dorato ed una fascia stretta e molto lunga, annodata in vita e con le estremità che ondeggiano nell’aria. È curioso come il Sole, anziché sorreggere la corona di raggi, si tocchi il mento, in un gesto che si potrebbe interpretare come di stupore o perplessità. Saturno fa la sua prima apparizione nel manoscritto come primo reggente delle decadi. È un uomo dalla carnagione scura e barba bianca, vestito con un pantalone aderente e dotato di una lunga pala. Lo seguono Giove, tranquillamente seduto con un libro, e nella terza decade Marte, con la sua abituale lancia e la sua testa tagliata, ma in questo caso in piedi.

Stefano Carboni
The Metropolitan Museum of Art
Conservatore allegato del Dpto. di Arte islamico

We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x