Libro della Felicità

f. 85v, Il taliasmano del re Maymun. Libro della Felicitá (Matali’ al-sa’adet)
Manoscritto turco ottomano del 1582, Suppl. turc 242 - Bibliothèque Nationale de France, Parigi

Indietro

f. 85v, Il taliasmano del re Maymun

Secondo la maggior parte degli autori, Maymun è il re della domenica, il giorno del Sole, ed è associato all’angelo Rufaya’il e all’oro. È l’unico re dei demoni ad avere le ali, e di fatto viene chiamato “Maymun delle Nuvole”. Questo risulta un po' confuso, poiché non è un essere sotterraneo come il resto dei jinn. Dipinto tra cumuli di intricate nuvole di ispirazione cinese, il torace del demonio ha la stessa muscolatura e gli stessi bracciali da polso, da braccio e collana del re Zawba’a (f. 85r). Sfoggia grandi ali aperte con piume dorate e rosse, fiamme rossicce sotto il corpo e una testa mostruosa con barba in punta, zanne, occhi verdi, orecchie di capra e corna di vacca. Tra le mani sostiene in aria il corpo seminudo di un uomo addormentato, forse per sottolineare i suoi poteri demoniaci di rapitore di esseri umani. Un autore arabo di trattati magici, al-Buni, denomina Maymun “l’Alato”, “il Negro” e “il Giustiziere”, chissà per voler dire che rapisce soltanto e giustizia gli esseri umani malvagi.

Stefano Carboni
The Metropolitan Museum of Art
Conservatore allegato del Dpto. di Arte islamico

We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x