Atlante Vallard

Atlante Vallard Nord del Canada
Indietro

Nord del Canada

La seconda mappa americana, che corrisponde alla costa est dell’America del Nord, è una delle più significative dell’Atlante Vallard. É anch’essa orientata verso sud ed ha le scale di latitudini e distanze sui margini sinistro e destro. Quasi in centro dell’immagine sulle acque dell’oceano Atlantico naviga una bellissima nave, parzialmente circondata da rose dei venti che tracciano lossodromie.

Ma quello che rende questa mappa particolarmente interessante è il fatto che riproduce l’informazione geografica del Nuovo Mondo riportata dalle spedizioni di Jacques Cartier nel 1534, 1535-1536 e 1541-1542. Difatti mostra in dettaglio sia il golfo che il fiume di San Lorenzo e parte dei territori limitrofi, che furono scoperti, esplorati e battezzati con il nome di “Canada” da parte di Cartier durante la sua ricerca dello sfuggente passaggio del Nord-ovest. La meticolosa rappresentazione delle linee costiere, con le sue numerose baie, mostra il potenziale del Canada per lo sfruttamento della pesca ed il commercio. Cartier riportò anche informazioni in dettaglio sulle varie tribù indiane native che trovò nei suoi viaggi. Nei boschi di terra ferma si possono vedere delicatamente disegnati in modo quasi tardo-medievale il proprio Cartier, i suoi benvoluti coloni-esploratori ed il forte d’inverno di Sainte-Croix. Gli indiani chiaramente eclissati dagli europei, li osservano, cacciano cervi e lottano tra di loro. Oltre ai cervi si possono vedere anche altri animali come: cani, orsi e opossum e volpi. Questa mappa è quindi una testimonianza estetica della crescente presenza francese nell’Atlantico nord durante il secolo sedicesimo.

Dennis Reinhartz
Professore Emerito dell’Università di Texas in Arlington
(Brano del volume di studi dell’Atlante Vallard)


We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x