Apocalisse 1313

Bibliothèque nationale de France, Parigi




Segnatura: Fr. 13096.
Data: 1313
Misure: ± 237 x 164 mm
334 pagine, 162 miniature (86 a tutta pagina) miniate in oro.
Volume di commento a colori (278 pag.), a cura di: Marie-Thérèse Gousset (Ingénieur de recherche, Centre de Recherche sur les Manuscrits Enluminés, BnF) e Marianne Besseyre (Conservateur, Centre de Recherche sur les Manuscrits Enluminés, BnF).
«Quasi-originale», edizione prima, unica ed irripetibile, limitata a 987 esemplari autentificati con atto notarile.
ISBN: 978-84-96400-21-4


Segnatura: Fr. 13096.
Data: 1313
Misure: ± 237 x 164 mm
334 pagine, 162 miniature (86 a tutta pagina) miniate in oro.
Volume di commento a colori (278 pag.), a cura di: Marie-Thérèse Gousset (Ingénieur de recherche, Centre de Recherche sur les Manuscrits Enluminés, BnF) e Marianne Besseyre (Conservateur, Centre de Recherche sur les Manuscrits Enluminés, BnF).
«Quasi-originale», edizione prima, unica ed irripetibile, limitata a 987 esemplari autentificati con atto notarile.
ISBN: 978-84-96400-21-4





Volume di commento

Apocalisse 1313 Bibliothèque nationale de France, Parigi


Formato: 220 x 230
Pagine: 280
Illustrazioni: 180
Lingua: inglese
ISBN: 978-84-96400-18-4


Contents:

From the editor to the reader

The Apocalypse of 1313

Presentation of the manuscript
Marie-Thérèse Gousset (Ingénieur de recherche, Centre de Recherche sur les Manuscrits Enluminés, BnF)

Colins Chadewe “ordinat” and “enluminat” the manuscript
Marie-Thérèse Gousset

An innovative series of paintings: the teaching of images combining the old and the new
Marie-Thérèse Gousset

“The Hell of Trades” in the Apocalypse of 1313
Marianne Besseyre (Conservateur, Centre de Recherche sur les Manuscrits Enluminés, BnF)

Commentaries on the paintings
Marianne Besseyre
Marie-Thérèse Gousset
 
The commentary and its author and translator
Marie-Thérèse Gousset

Conclusion
Bibliography

ISBN: 978-84-96400-20-7






Descrizione

Apocalisse 1313 Bibliothèque nationale de France, Parigi


Firmato e datato nel 1313 dal miniatore Colin Chadelve, questa Apocalisse è una creazione unica, poiché sembra essere stata progettata per soddisfare le esigenti richieste del suo committente. Il manoscritto contiene un insieme di immagini eccezionali, sia per l’abbondanza, sia per la qualità della tecnica pittorica. Questo codice raccoglie il ciclo iconografico del libro dell’Apocalisse più esteso del Medioevo.

Sono anche complici nel fare di quest’opera un gioiello unico la luminosità dei colori, l’effetto di contrasto degli ori e la ricchezza delle illustrazioni dell’Apocalisse e dell’Inferno. Il lettore attuale, privilegiato, potrà osservare gli spietati castighi destinati ai condannati dell’Inferno, poiché l’artista ha dipinto nel minimo dettaglio le torture più terribili e sorprendenti: i peccatori vengono scuoiati, segati a metà, martellati su una incudine, introdotti in calderoni pieni d’acqua od olio bollente, accecati con pinze e scalpelli... Questo manoscritto brilla per l’insistenza nel rappresentare l’Inferno, i suoi orrori e i suoi tormenti, in una ostentazione di immaginazione e fantasia dell’artista, che in altri codici si riduce a un mero elemento aggiuntivo.

Le miniature, dallo stile omogeneo in tutto il manoscritto, vengono animate da una straordinaria forza drammatica, raggiunta anche grazie ai gesti dei personaggi e il dinamismo delle scene, nonché la varietà dei colori e l’uso abbondante dell’oro.

L’eccezionalità di questa Apocalisse si deve anche al fatto di essere un pezzo raro tra i manoscritti francesi d’inizio secolo XIV, poiché in essa possiamo trovare pochissime tracce dello stile parigino. Infatti, questa Apocalisse sembra essere l’adattamento singolare di un tipo di libro gotico inglese molto popolare, e spicca come produzione testuale iconograficamente isolata, unica e straordinaria.

L’artista di questo manoscritto riesce ad orchestrare quattro livelli di lettura in modo coerente e senza precedenti; abbina il testo apocalittico, i modelli iconografici tradizionali, i commenti e la sua percezione di questi testi, facendone emergere così nuovi significati.

L’Apocalisse del 1313 costituisce, secondo gli esperti, un cambio importante nella concezione gotica dell’Apocalisse illustrata, verso un libro di devozione più personale e privata, usato per il raccoglimento e la meditazione nell’intimità.



Recensioni clienti
Apocalisse 1313
Bibliothèque nationale de France, Parigi





“They are wonderful! Thank you very much.»

Aaron S. – University of C.



“Je vous adresse tous mes voeux à l’occasion de cette nouvelle année ! Une année pleine de beaux ouvrages et de manuscrits anciens. Je viens de recevoir à l’instant l’Apocalypse : c’est tout simplement superbe ! Je vous félicite pour la qualité de l’ouvrage et bravo pour le livre d’explications : il est remarquable...”

Eric T. – France




We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x