Libro d'ore di Enrico IV di Francia

Santa Maria Egiziaca che porta tre pani e senza altre vesti che i suoi capelli lunghi e folti, f. 88v


Indietro

Nei suffragi dei santi dedicati alle donne, Santa Maria Egiziaca compare dinanzi a un piccolo edificio tardogotico (probabilmente l'eremo in cui viveva) inserito in un paesaggio, come riferimento all'allontanamento che portò a termine durante la propria espiazione. La santa si mostra nuda, praticamente coperta dai suoi lunghi capelli biondi e, con tra le mani tre pani. La leggenda, attribuita al vescovo di Gerusalemme Sofronio e divulgata nel medioevo da Idelberto di Mans e Jacopo da Varazze, racconta che fu una cortigiana alessandrina chi, dopo diciassette anni di vita sregolare, si pentì e si ritirò nel deserto della Transgiordania per fare penitenza. Uno sconosciuto le diede tre denari con i quali acquistò tre pani che la nutrirono per sessanta anni. Nel giro di qualche anno, dopo essersi disfatta del proprio abbigliamento, i suoi capelli arrivano a ricoprirle l'interno corpo, acquisendo, come mostra l'immagine, l'aspetto iconografico di donna selvaggia. Nel testo, si richiama con l'obiettivo di intercedere nel perdono dei peccati del proprietario della liturgia delle ore.

Libro d'ore di Enrico IV di Francia Santa Maria Egiziaca che porta tre pani e senza altre vesti che i suoi capelli lunghi e folti, f. 88v

Indietro

Santa Maria Egiziaca che porta tre pani e senza altre vesti che i suoi capelli lunghi e folti, f. 88v

Nei suffragi dei santi dedicati alle donne, Santa Maria Egiziaca compare dinanzi a un piccolo edificio tardogotico (probabilmente l'eremo in cui viveva) inserito in un paesaggio, come riferimento all'allontanamento che portò a termine durante la propria espiazione. La santa si mostra nuda, praticamente coperta dai suoi lunghi capelli biondi e, con tra le mani tre pani. La leggenda, attribuita al vescovo di Gerusalemme Sofronio e divulgata nel medioevo da Idelberto di Mans e Jacopo da Varazze, racconta che fu una cortigiana alessandrina chi, dopo diciassette anni di vita sregolare, si pentì e si ritirò nel deserto della Transgiordania per fare penitenza. Uno sconosciuto le diede tre denari con i quali acquistò tre pani che la nutrirono per sessanta anni. Nel giro di qualche anno, dopo essersi disfatta del proprio abbigliamento, i suoi capelli arrivano a ricoprirle l'interno corpo, acquisendo, come mostra l'immagine, l'aspetto iconografico di donna selvaggia. Nel testo, si richiama con l'obiettivo di intercedere nel perdono dei peccati del proprietario della liturgia delle ore.

Preferenze per i cookie

Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare i nostri servizi analizzando le vostre abitudini di navigazione. Per ulteriori informazioni è possibile leggere la nostra politica sui cookie. È possibile accettare tutti i cookie facendo clic sul pulsante Accetta oppure configurare o rifiutare il loro utilizzo facendo clic QUI.