Libro d'ore di Enrico IV di Francia

Santa Veronica, f. 70v


Indietro

Dinanzi a un bosco pieno di alberi, santa Veronica, velata e nimbata, mostra un panno con il volto, sanguinante e perfettamente simmetrico, di Cristo. Il suo aspetto deriva dall'iconografia del filosofo e pedagogo greco e dalla descrizione di Gesù che è stata inviata mediante epistola al senato romano da Publio Lentulo, il predecessore di Ponzio Pilato, in cui si descrivevano i capelli, scuri e del color del vino, divisi da una riga in mezzo e appoggiati sulle spalle; la barba abbondante, dello stesso colore dei capelli e divisa.
In occidente, la venerazione della sacra sindone si basava, soprattutto, sul sudarium sacro di Veronica (Volto santo), reliquia che, almeno dal secolo XII, si conservava presso San Pietro, a Roma, e che scomparve nel 1527 durante il saccheggio di Roma. La figura leggendaria di Santa Veronica è stata introdotta come portatrice della reliquia, il che permetteva di contemplare l'oggetto santo e la leggenda in un'unica immagine, consentendo di stabilire la prova dell'origine e dell'età della reliquia. Lo stesso gesto della santa, volto a mostrare la tela con le proprie mani dispiegate, come lo facevano i prelati di Roma, incitava alla venerazione. Questa variante, di immagine dentro l'immagine era paragonabile a un reliquiario, distinguendo l'oggetto di culto dalla sua presentazione o supporto.

Libro d'ore di Enrico IV di Francia Santa Veronica, f. 70v

Indietro

Santa Veronica, f. 70v

Dinanzi a un bosco pieno di alberi, santa Veronica, velata e nimbata, mostra un panno con il volto, sanguinante e perfettamente simmetrico, di Cristo. Il suo aspetto deriva dall'iconografia del filosofo e pedagogo greco e dalla descrizione di Gesù che è stata inviata mediante epistola al senato romano da Publio Lentulo, il predecessore di Ponzio Pilato, in cui si descrivevano i capelli, scuri e del color del vino, divisi da una riga in mezzo e appoggiati sulle spalle; la barba abbondante, dello stesso colore dei capelli e divisa.
In occidente, la venerazione della sacra sindone si basava, soprattutto, sul sudarium sacro di Veronica (Volto santo), reliquia che, almeno dal secolo XII, si conservava presso San Pietro, a Roma, e che scomparve nel 1527 durante il saccheggio di Roma. La figura leggendaria di Santa Veronica è stata introdotta come portatrice della reliquia, il che permetteva di contemplare l'oggetto santo e la leggenda in un'unica immagine, consentendo di stabilire la prova dell'origine e dell'età della reliquia. Lo stesso gesto della santa, volto a mostrare la tela con le proprie mani dispiegate, come lo facevano i prelati di Roma, incitava alla venerazione. Questa variante, di immagine dentro l'immagine era paragonabile a un reliquiario, distinguendo l'oggetto di culto dalla sua presentazione o supporto.

Preferencias sobre cookies

Utilizamos cookies propias y de terceros para mejorar nuestros servicios mediante el análisis de sus hábitos de navegación. Haz click AQUÍ para más información sobre nuestra política. Puedes aceptar todas las cookies pulsando el botón "Aceptar" o configurarlas o rechazar su uso haciendo click AQUÍ.