Libro della caccia, Gaston Fébus

Libro della caccia, Gaston Fébus Del bracco spagnolo e della sua natura  - 50r

Indietro

Del bracco spagnolo e della sua natura  - 50r

Il quadro del gatto è stato fatto in fretta. Lo stesso accade per quello del bracco spagnolo, anche detto cane da ferma, quello che ci fa pensare che probabilmente è stato realizzato dallo stesso artista. Tutti questi animali sono di taglia piccola, di pelo lungo, duro o corto. Febo li chiama «spaniels» e non li apprezza più del dovuto. Questi cani, probabilmente da mostra, sempre vanno avanti, sono adatti per la caccia a piedi della quaglia, la pernice e dell’anatra. Il conte dice che provengono dalla Spagna e «la loro natura scaturisce dalla scadente provenienza». Si potrebbe dedurre che la provenienza scadente si riferisce a ciò che egli pensava della famiglia di sua moglie, nello specifico di Carlo il Malvagio, re di Navarra, che nonostante la sua origine francese e anche regale, aveva fatto fortuna al di là dei Pirenei. Questi cani sono litigiosi, chiassosi, rustici, indisciplinati e fanno qualsiasi cosa per mettersi in mostra. Detto in altre parole, racchiudono tutti i difetti del mondo e servono soltanto, nel migliore dei casi, alla falconeria. Ciò nonostante, Febo possedeva diversi di questi disobbedienti bracchi spagnoli, poiché non disdegnava la caccia con astori, falconi e sparvieri. E questo è ciò che scaturisce da questa allegra riunione campestre, nonostante la goffaggine della sua riproduzione.

Yves Christe,
Université de Genève

We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x