Salterio Glossato

Salterio Glossato f. 2r,  Scene dell’Antico Testamento: la Creazione – l’Esodo

Indietro

f. 2r,  Scene dell’Antico Testamento: la Creazione – l’Esodo

L’arrivo di Giacobbe e della sua famiglia in Egitto, e Giacobbe abbraccia Giuseppe: Ubi venit Jacob cum filiis in Egyptum ad Joseph filium suum (Gen. 46: 29-30); Giuseppe presenta Giacobbe al Faraone: Ubi Joseph adduxit patrem suum ante Pharaonem (Gen. 47: 7); il Faraone ordina alle matrone di uccidere tutti i neonati ebrei maschi: Ubi Pharaoh precepit obstetricibus interficere masculos et feminas reservare (Ex. 1: 16-22); nascita di Mosè e il suo salvataggio sul Nilo da parte della figlia del Faraone: Ubi filia Pharaon invenit Moysen in fiscella (Ex. 2: 5-6); Dio appare a Mosè come un arbusto in fiamme: Ubi apparuit Dominus Moysi in igne rubi (Ex. 3: 1-4); divisione delle acque e passaggio attraverso il Mar Rosso: Ubi Moyses et Aaron transierunt mare rubrum (Ex. 14: 21-2); l’esercito del Faraone sommerso nel mare con due demoni sopra di lui che gli sparano frecce: Ubi reduxit Dominus aquam maris super Egyptios (Ex. 14: 27-8); Mosè e gli ebrei cantano al Signore per il trionfo sul Faraone: Tunc cecinit Moyses et filii Israhel carmen. Cantemus Domino (Ex. 15: 1); Mosè con le tavole della Legge, circondato da otto lampade, e la costruzione del vitello d’oro: Ubi data fuit lex Moysi. Ubi fecerunt vitulum aureum (Ex. 31: 18; 32: 4-5); il Tabernacolo: Tabernaculum (Ex. 36); Mosè colloca un serpente di bronzo su una colonna: Ubi exaltavit Moyses serpentem in deserto (Num. 21: 9); Mosè fa sgorgare acqua dalla roccia: Ubi percussit petram et fluxerunt aque (Num. 20: 11).

We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x