Taj Mahal

Il Taj Mahal è il simbolo splendente di un amore che voleva essere più forte della morte, e allo stesso tempo il riflesso imponente dell’onnipotenza del Gran Mogol, Shâh Jahân, che ne ordinò la costruzione, nel 1632, come sepoltura di Mumtâz Mahal, seconda moglie dell’imperatore e madre di quattordici dei suoi figli. Oltre al romanticismo della storia, a Shâh Jahân corrisponde l’aver fatto della morte della sposa un simbolo di bellezza, e l’aver dato all’India e al mondo intero il più celebre mausoleo.
Architetti, artisti e lapidari unirono le loro tradizioni (Timor, India, Europa) per erigere quest’opera unica, la cui realizzazione durò undici anni (1623-1643). “Sul marmo hanno seminato fiori di pietra che, col loro colore e il loro profumo, superano i fiori veri.” A queste incrostazioni, paragonabili alle pietre dure di Firenze (48 varietà di pietre semi-preziose), bisogna aggiungere lo squisito virtuosismo calligrafico delle citazioni dal Corano, in marmo nero, che contribuiscono a fare del Taj Mahal un mausoleo fuori dal comune.

Leggi di più

Leggi meno

Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal

+ 10

Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Taj Mahal
Compartir
Edizione esaurita.

Per saperne di più

mostrar/ocultar

Il Taj Mahal è il simbolo splendente di un amore che voleva essere più forte della morte, e allo stesso tempo il riflesso imponente dell’onnipotenza del Gran Mogol, Shâh Jahân, che ne ordinò la costruzione, nel 1632, come sepoltura di Mumtâz Mahal, seconda moglie dell’imperatore e madre di quattordici dei suoi figli. Oltre al romanticismo della storia, a Shâh Jahân corrisponde l’aver fatto della morte della sposa un simbolo di bellezza, e l’aver dato all’India e al mondo intero il più celebre mausoleo.
Architetti, artisti e lapidari unirono le loro tradizioni (Timor, India, Europa) per erigere quest’opera unica, la cui realizzazione durò undici anni (1623-1643). “Sul marmo hanno seminato fiori di pietra che, col loro colore e il loro profumo, superano i fiori veri.” A queste incrostazioni, paragonabili alle pietre dure di Firenze (48 varietà di pietre semi-preziose), bisogna aggiungere lo squisito virtuosismo calligrafico delle citazioni dal Corano, in marmo nero, che contribuiscono a fare del Taj Mahal un mausoleo fuori dal comune.

Caratteristiche

mostrar/ocultar

Formato: 260 x 300 mm
Pagine: 240
Illustrazioni: 158, 4 dittici
Lingua: spagnolo
ISBN: 978-84-88526-01-4

Ti potrebbe interessare anche

Libro di Daniel

Libro di Daniel

175,00 €
Borobudur

Borobudur

5
90,00 €

Caratteristiche

Preferenze per i cookie

Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare i nostri servizi analizzando le vostre abitudini di navigazione. Per ulteriori informazioni è possibile leggere la nostra politica sui cookie. È possibile accettare tutti i cookie facendo clic sul pulsante Accetta oppure configurare o rifiutare il loro utilizzo facendo clic QUI.