Taj Mahal

Taj Mahal

Il Taj Mahal è il simbolo splendente di un amore che voleva essere più forte della morte, e allo stesso tempo il riflesso imponente dell’onnipotenza del Gran Mogol, Shâh Jahân, che ne ordinò la costruzione, nel 1632, come sepoltura di Mumtâz Mahal, seconda moglie dell’imperatore e madre di quattordici dei suoi figli. Oltre al romanticismo della storia, a Shâh Jahân corrisponde l’aver fatto della morte della sposa un simbolo di bellezza, e l’aver dato all’India e al mondo intero il più celebre mausoleo.
Architetti, artisti e lapidari unirono le loro tradizioni (Timor, India, Europa) per erigere quest’opera unica, la cui realizzazione durò undici anni (1623-1643). “Sul marmo hanno seminato fiori di pietra che, col loro colore e il loro profumo, superano i fiori veri.” A queste incrostazioni, paragonabili alle pietre dure di Firenze (48 varietà di pietre semi-preziose), bisogna aggiungere lo squisito virtuosismo calligrafico delle citazioni dal Corano, in marmo nero, che contribuiscono a fare del Taj Mahal un mausoleo fuori dal comune.



Consiglia

We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x