Dioscoride di Cibo e Mattioli

Dioscoride di Cibo e Mattioli Primula comune (Primula vulgaris), cc. 127v-128r

Indietro

Primula comune (Primula vulgaris), cc. 127v-128r

In primavera spuntano due specie di piante non molto diverse tra loro. Hanno foglie molto crespe, simili a quelle di certi cardi; i fiori sono bianchicci nell’una e gialli nell’altra, rotondi e incisi. Alcuni li chiamano fiori di primavera, altri erba paralisi. Oggi, per i dolori alle articolazioni, si usano indifferentemente sia l’una che l’altra. Le loro radici, a quanto si dice, si cuociono e se ne fa un decotto che, bevuto, combatte le ostruzioni dei reni e della vescica. 

Anche il succo della sua erba si beve, oppure si applica esternamente come impiastro in caso di fratture e slogature delle ossa. Le donne si lavano spesso il viso con il succo dei fiori perché distende la pelle e ne elimina ogni macchia. In queste due piante, la radice è lunga meno di un dito ed è più sottile del mignolo; da essa nascono molte altre radicette sottili e profumate. 

Quella con il fiore bianchiccio e senza fusto nasce nei boschi e sui fossi, al fresco, vicino alle selve; l’altra, provvista di fusto e con il fiore giallo, nasce nei prati di alta montagna (c. 127v).


We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x