Dioscoride di Cibo e Mattioli

Gladiolo dei campi (Gladiolus Italicus), Dioscoride di Cibo e Mattioli, The British Library, Add. Ms. 22332, c. 1564-1584

Indietro

Gladiolo dei campi (Gladiolus italicus), c. 72r

Lo xiphio è chiamato dai latini gladiolo e questa pianta è stata chiamata così per la forma di spada che hanno le sue foglie; sarebbe simile all’iris se le sue foglie non fossero più corte e più strette, appuntite come un coltello e fitte di nervature. Produce il fusto della lunghezza di un cubito, recante in cima i fiori violacei, distinti l’uno dall’altro e disposti ordinatamente. Ha il seme tondo e genera due radici, l’una sovrapposta all’altra, simili a piccoli bulbi; e delle due quella che sta sotto è più piccola e quella che sta sopra è più grande. Nasce per lo più nei campi. La radice che sta sopra, applicata a mo’ d’impiastro con incenso e vino, fa espellere dal corpo gli spuntoni di legno, le spine e le frecce; amalgamata con farina di loglio e acqua melata, dissolve i porri, e perciò si mette in impiastri del genere; applicata, provoca il flusso mestruale. Dicono che la radice che sta sopra, bevuta con del vino, abbia effetto afrodisiaco, e che l’altra faccia diventare sterili. Dicono inoltre che quella che sta sopra, data a bere con acqua, guarisca le ernie intestinali dei bambini (c. 71v).

We use private and third party cookies to improve our services by analyzing your browsing habits. If you continue to browse, we consider that you accept its use. Learn more x